MOST FREQUENT QUESTIONS AND ASWERS - FAQ

La scelta del Rope Access per A&M di un involucro architettonico, al posto delle obsolete BMU, garantisce molte opportunità di risparmio. Non sono necessari rinforzi per supportare grandi tipi di macchinari in movimento, spesso con grandi bracci e grandi travi a sbalzo, parti sporgenti o in movimento. Le interferenze con le facciate sono ridotte. Non ci sono motori che consumano energia: gli operatori RA sfruttano la gravità che è gratuita. Le geometrie complesse si risolvono con soluzioni semplici, mentre le BMU sono costrette a dispositivi meccanici molto articolati e complessi. L'avanzamento degli operatori in facciata è molto più rapido e, inoltre, è possibile impiegare contemporaneamente un numero elevato di operai, mentre per le BMU il team è strettamente legato alla dimensione della piattaforma e al numero di unità.

Si assolutamente. Il mondo dell'architettura moderna parla molto di politiche green e di riduzione dei consumi energetici, ma cade in contraddizione affidando la manutenzione di questi prestigiosi progetti alle BMU, macchine ingombranti ed energivore. Con un peso di decine di tonnellate e scarsa efficienza di lavorazione (m²/h), costringono ad un uso ininterrotto di grandi motori elettrici con grandi consumi ed emissioni. L'uso del Rope Access per una corretta strategia di pulizia e manutenzione di un progetto architettonico significa ridurre drasticamente consumi ed emissioni. L'unica energia necessaria per le progressioni su una torre è data dalla gravità, non serve altro. 

Sì. Ovunque ci sono aziende qualificate che forniscono una forza lavoro professionalmente preparata secondo standard internazionali riconosciuti. L'accesso su fune è praticabile in tutto il mondo e non esistono normative che lo impediscano. FLY SERVICE Engineering affianca i propri clienti indicando quali aziende sono qualificate in una determinata area geografica.

Le indicazioni che consentono alle aziende qualificate di operare sullo specifico progetto sono fornite su supporto cartaceo o su dispositivi elettronici, arricchite da schemi operativi esplicativi. 

L'accesso su fune è un sistema W@H relativamente nuovo nel mondo della manutenzione degli edifici. È stato adottato principalmente nel mercato Oil and Gas ottenendo successo in tutto il mondo. Solo pochi anni fa ha fatto la sua comparsa nel mercato delle costruzioni civili. Allo stato attuale, vi è ancora una scarsa conoscenza complessiva di questa tecnica e dei parametri tecnici che la rendono così sicura, efficiente e redditizia. C'è anche una grande confusione delle informazioni fornite da consulenti poco informati e talvolta da concorrenti, che spesso sconsigliano l'adozione di questa tecnica. Ad esempio, alcuni indicano che in alcuni paesi esiste un limite di 300 piedi per l'uso del Rope Access, che è completamente errato. Questo deriva probabilmente da una confusione con la tecnica del "bosun's chair", che ha sì una limitazione di utilizzo, ma non ha nulla a che fare con l'accesso in fune. Il Rope Access non ha limiti di altezza, può essere applicato ovunque nell'ambito dei consueti processi di sicurezza (compresa l'analisi di valutazione dei rischi) e nel rispetto della normativa specifica.

Si certo. Gli operatori sono professionalmente qualificati per molteplici competenze, così come qualsiasi altro tecnico. Ci sono falegnami, pulitori di vetri, saldatori e anche esperti nella sostituzione di vetri di facciata. Non vi è alcuna limitazione all'operazione che può essere eseguita tramite Rope Access a meno che le operazioni non siano adeguatamente pianificate ed eseguite. Vi sono anche giardinieri in grado di trattare e mantenere il verde.

Sì, fino a una certa intensità. Un singolo operatore sospeso su funi è molto meno esposto all'azione del vento rispetto alla piattaforma di una BMU perché l'effetto “vela” di un corpo umano è molto minore rispetto ad essa. Inoltre, l'operatore si trova vicino alla facciata e può stabilizzarsi con i piedi o con le cinghie. Di conseguenza, un operatore in fune non può essere soggetto agli imponenti e catastrofici incidenti causati dal vento come quelli che purtroppo accadono sulle BMU.

L'impatto estetico è quasi nullo. Tutta la strategia è studiata con cura per nascondere il più possibile i punti di ancoraggio in posizioni che minimizzino la visibilità, con punti già piccoli o piccolissimi, resi esteticamente omogenei con le zone dove vanno inseriti. Materiali, forme, finiture e colori garantiscono che i pochi elementi posti sulla facciata siano quasi invisibili. Tutti gli strumenti e tutte le attrezzature per la manutenzione della facciata sono temporanei, installati e utilizzati solo quando sia necessario sostituire qualcosa nella proprietà. Quindi anche in questi casi l'impatto estetico è nullo.

Torna su